NORME PER GLI ALUNNI E GENITORI 

  1. 1.    L’ATTO DELL’ISCRIZIONE COSTITUISCE PIENA ACCETTAZIONE DELL’IMPOSTAZIONE EDUCATIVA DELL’ISTITUTO, DELLE NORME DISCIPLINARI E IMPEGNO AD ADEGUARVISI E DELLE NORME MIISTERIALI CHE LO REGOLANO.

    2.    Nei giorni di lunedì, martedì e giovedì le lezioni iniziano alle ore 8.15 fino alle 12.15 e riprendono dalle 13.45 alle 15.45. Nei giorni di mercoledì e venerdì le lezioni iniziano alle 8.15 e terminano alle 13.15.

    L’ora del pranzo inizia sempre al termine delle lezioni.

    Si ricorda che il suono della campanella segnala il momento in cui i bambini possono iniziare a prepararsi per l’uscita.

    È segno di rispetto e di educazione rispettare l’orario di entrata dalle 8.10 alle 8.15. Il ritardo va giustificato tramite diario.

    3.    Nei giorni di lunedì, martedì e giovedì per i bambini che vanno a casa per pranzo l’entrata è alle ore 13.45. I genitori sono pregati di restare fuori dai cancelli. Eventuali necessità possono essere comunicate.

    Chi utilizza la mensa il mercoledì e il venerdì, ma non il doposcuola può uscire solo dalle 14.00, per permettere la conclusione del pranzo. Il doposcuola diventa a pagamento dalle 14.30.

    4.    I cancelli si apriranno alle ore 8.10 e si chiuderanno alle ore 8.15, per essere riaperti al suono della campanella: 13.15 nei giorni di mercoledì e venerdì / 15.45 negli altri giorni.

    5.    Per chi usufruirà del prescuola l’ingresso è dalle ore 7.30 alle ore 8.10 da via Orsini: per motivi di sicurezza è consentito accompagnare il bambino fino all’ingresso senza sostare all’interno dell’edificio. La fascia tra le 8.00 e le 8.10 non è a pagamento.

    6.    Per l’uscita alle ore 15.45 o 13.15 gli alunni saranno condotti in cortile dagli insegnanti, luogo in cui è stabilito che i genitori li aspettino. Si prega di non usare questo momento per il gioco e lo svago per consentire una migliore sorveglianza degli alunni da parte degli insegnanti.

    Si richiede, pertanto, di non sostare nei locali o corridoi interni all’edificio, questo per permettere una gestione più sicura dell’uscita e del doposcuola che inizierà a pagamento dalle ore 15.45.

    7.    Si ricorda a chi usufruisce dei servizi di prescuola e di doposcuola di entrare ed uscire sempre dal cancello di via Orsini avendo ogni volta l’accortezza di chiuderlo.

    8.    Se si desidera dare una comunicazione agli insegnanti si può scrivere sul diario o chiedere un colloquio sempre tramite diario o registro elettronico.

    9.    Ogni alunno è fornito del diario per le comunicazioni scuola – famiglia, le giustificazioni e la richiesta di permessi scolastici personali.

    L’entrata in ritardo, dalle 8.15 in poi, deve essere giustificata sul diario e il genitore deve accompagnare il figlio all’interno dei locali della scuola.

    10. Le assenze delle lezioni, i ritardi, i permessi d’uscita devono essere giustificate dai genitori o da chi ne fa le veci nelle rispettive sezioni del diario.

    I permessi per uscite anticipate o per assenze motivate devono essere necessariamente comunicate tramite diario il giorno stesso.

    11. GLI ORARI DI SEGRETERIA VANNO RISPETTATI, per permettere un lavoro puntuale e preciso.

    12. Gli alunni devono indossare un grembiule nero con colletto bianco.

    13. Il materiale scolastico dimenticato a casa (cartella, scarpe da ginnastica, libri, quaderni…) non viene accettato in portineria dopo l’inizio delle lezioni (fatta eccezione per la merenda).

    14. È proibito, anche per legge, fumare negli ambienti e nel cortile della scuola. Chi infrange questa disposizione è passibile di multa, stabilita dal Consiglio d’Istituto, e in caso di ricaduta, di sanzioni più gravi.

    15. L’ambiente scolastico è patrimonio di tutti, per cui ogni alunno è tenuto al rispetto e ad una condotta adeguata. Eventuali danni provocati per negligenza, noncuranza, superficialità e dispetto, verranno addebitati a chi li ha procurati. In caso di danni anonimi la spesa sarà suddivisa tra i componenti della classe, del gruppo o di tutta la collettività.

    16. Non si possono portare a scuola palloni per evitare infortuni o danni alla struttura, mentre è concesso avere con sé piccoli giochi personali, non preziosi (carte, figurine, piccoli pupazzetti…), non tecnologici, non offensivi (per esempio armi giocattolo) e soprattutto non pericolosi. La scuola non risponderà di eventuali danni o smarrimento degli stessi.

    17. La Direzione non si assume la responsabilità per ciò che gli alunni possano smarrire nell’ambito dell’istituto. Ricorda inoltre che è vietato l’uso del telefonino a scuola.

    18. Il giudizio nel COMPORTAMENTO è in relazione anche all’assiduità e alla diligenza nei doveri scolastici. La Direzione si riserva il diritto di allontanare dall’istituto, in accordo con l’equipe di classe e in qualunque periodo dell’anno scolastico, l’alunno la cui condotta sia in evidente contrasto con le linee della scuola.

    19. Il menù della mensa è prescritto dall’ASL in un’apposita tabella dietetica: eventuali variazioni devono essere certificate da una diagnosi medica di allergia e/o intolleranza alimentare e depositate in segreteria.

    20. È consentita la variazione momentanea del menù con la dieta in bianco riportando la richiesta della dieta sull’apposito foglio da inserire nel diario.

    21. I compleanni possono essere ricordati in classe con una semplice caramella o cioccolatini o comunque solamente con dolciumi confezionati. Richiediamo di non dare torte o bibite, giochini o gadget da regalare ai compagni.

    È BUONA EDUCAZIONE AVERE UN OCCHIO DI RIGUARDO IN CASO CI SIANO DEI COMPAGNI ALLERGICI O INTOLLERANTI.

    Gli inviti alle feste di compleanno potranno essere direttamente distribuiti dal “bambino festeggiato” solo se consegnati a TUTTI i compagni di classe.

    22. Nei compiti a casa il ruolo dell’insegnante del doposcuola e dei genitori non è quello di sostituirsi al bambino nello svolgimento degli stessi, ma di supervisionarne l’esecuzione.

    I compiti eseguiti al doposcuola saranno da considerarsi ultimati e corretti solo se compare la sigla dell’insegnante: pertanto si sollecita a verificare la completezza dei compiti.

    I compiti a casa devono essere svolti con puntualità; in caso di mancata consegna dovranno essere recuperati per il giorno seguente.

    PER IL RECUPERO DEI COMPITI PER I BAMBINI ASSENTI:

    Sarà cura del genitore dell’alunno recuperare le lezioni e le attività svolte durante le assenze, per malattia o per causa maggiore. Le indicazioni verranno date da ogni insegnante sul registro elettronico nella sezione argomenti delle singole discipline per le attività della giornata e nella sezione compiti. Il genitore è tenuto a visionare il registro on line dove troverà i compiti affidati per ogni giorno che devono essere recuperati. L’insegnante lascerà in segreteria eventuali libri e schede; il genitore dovrà invece attivarsi autonomamente per il recupero di attività altre.

    23. Si ricorda che le uscite didattiche sono considerate lezioni e quindi parte integrante della proposta didattica e non attività facoltative. Pertanto chi non vi partecipasse è tenuto a portare una giustificazione scritta sempre su diario e ad avvisare tempestivamente; SI STABILISCE CHE L’ISCRIZIONE ALLA GITA NON È RIMBORSABILE. Nel caso in cui non si partecipasse alle uscite di più giorni la scuola garantirà il servizio di sorveglianza, fermando l’attività didattica, per non penalizzare chi ha invece aderito alla proposta.

    24. Per il ritiro della scheda di valutazione di fine anno verrà messo a disposizione di tutti genitori un unico momento dopo la fine della scuola. Si ricorda che chi non potesse essere disponibile in quella giornata avrà comunque la possibilità di ritirare la scheda presso la segreteria, sempre negli orari di apertura al pubblico, nei giorni seguenti fino a metà luglio, ma senza un colloquio con gli insegnanti.

    25. E’ assolutamente vietato telefonare privatamente al personale docente e amministrativo, questo nel rispetto della scuola, unico luogo deputato alla disamina di problemi e alle comunicazioni didattico - educative, amministrative e gestionali.

    26. Per quanto riguarda le note disciplinari, devono essere comunicate con tempestività ai genitori tramite diario. Le note disciplinari vanno controfirmate dai genitori per presa visione. Per le mancanze di una certa gravità, saranno convocati i genitori dell’alunno con lettera della Direzione.

     

     

    NORME PER I DOCENTI E TUTTO IL PERSONALE

     

    1. Il docente che chiede e/o accetta di far parte dell’Istituto intende con ciò collaborare alla sua specifica missione educativa. L’assunzione presuppone la piena accettazione della impostazione ideologica dell’Istituto, perciò egli considera pienamente rispettata la propria libertà di insegnante.

    2. Il docente è tenuto a conoscere ed attuare puntualmente le direttive scolastiche stabilite dal MIUR e dal Regolamento d’ Istituto.

    3. Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti responsabili sono tenuti a trovarsi presso gli spazi definiti cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi.

    4. All’inizio della lezione si accerta della presenza di tutti gli alunni, annotando sul giornale di classe le assenze o i ritardi e richiede eventuali giustificazioni per le stesse. Verifica inoltre le giustificazioni.

    5. Cura l’ordine della classe, il silenzio e l’attenzione durante le lezioni, il contegno corretto degli alunni, l’osservanza del regolamento, il rispetto dei banchi e della suppellettile.

    6. Di norma evita che durante la lezione gli alunni escano di classe senza motivo o di allontanarli dalla classe. Eventuali sanzioni per mancanze disciplinari sono decise e deliberate in base al Regolamento interno d’Istituto. Quando sia necessario scrive sul diario e/o registro di classe un rapporto nei confronti dell’alunno, specificandone i fatti.

    7. Durante l’intervallo delle lezioni i docenti sono tenuti all’assistenza degli alunni onde prevenire il verificarsi di eventi dannosi. I turni e gli spazi di assistenza sono specificati dalla Direzione. L’assistenza viene svolta dagli insegnanti, nel compito di vigilanza sono coadiuvati dal personale collaboratore scolastico che subentra direttamente in caso di assenza temporanea del docente.

    8. Nel registro on-line devono essere riportate con esattezza le assenze degli alunni e le valutazioni delle prove scritte, pratiche ed orali. Nel registro della progettazione devono essere riportati tutti gli argomenti e gli strumenti preparati sfruttando le ore a disposizione. Tutte le annotazioni devono essere scritte a penna nera, gli errori si possono cancellare lasciando in modo visibile quanto scritto sotto, con un tratto di penna e la propria sigla, è vietato l’uso del correttore. I registri devono essere lasciati a scuola, negli appositi mobili.

    9. All’inizio dell’anno scolastico, in data stabilita, il docente prepara e consegna in Direzione il piano di lavoro preventivo, nel quale è contenuto il piano di lavoro dei contenuti che egli intende attuare (quadri sinottici).

    10. Ogni lezione deve essere convenientemente preparata e l’insegnante si deve munire del materiale necessario.

    11. Consapevole che l’alunno frequenta la scuola per progredire mediante l’aiuto dell’insegnante, questi di norma non deve richiedere più di quanto non abbia dato, sia come spiegazione del programma sia come stimolo e sostegno all’approfondimento personale. Il carico dei compiti è in progressione da una classe con l’altra.

    12. È proibito, anche per legge, fumare negli ambienti e nel cortile della scuola.  Chi infrange questa disposizione è passibile dalla multa, stabilita dal Consiglio d’Istituto e, in caso di ricaduta, in sanzioni più gravi.

    13. L’uso del telefono cellulare nella scuola è consentito solo a fini didattico-educativi.

    I telefoni in dotazione ai vari istituti non possono essere utilizzati da docenti e non docenti per esigenze personali.